I risultati delle Primarie del Pd, in diretta

I risultati delle Primarie del Pd, in diretta

Spread the love

Secondo le stime del segretario Letta, oltre un milione di persone hanno votato oggi per scegliere chi, tra Stefano Bonaccini ed Elly Schlein, sar il nuovo leader del Partito democratico: i risultati saranno resi noti intorno alle 22Si sono chiuse alle 20 di domenica le operazioni di voto per le primarie del Partito democratico: ovvero la consultazione, aperta a tutti, per arrivare alla scelta del nuovo segretario del partito.I votanti, alle 13, erano stati quasi 600 mila: e l’attuale segretario del Pd, Enrico Letta, aveva detto che entro le 20 sarebbe stata ampiamente superata la soglia di un milione di voti — circa mezzo milione in meno dell’ultima volta, nel 2019. Dario Nardella, coordinatore della mozione Bonaccini, ha scritto su Twitter, poco dopo le 20, che la soglia di un milione di votanti stata superata. Secondo fonti del Pd, i risultati dell’affluenza arriveranno dalle 21. I candidati alla carica di segretario sono Stefano Bonaccini e Elly Schlein, che avevano raccolto pi voti tra i circoli del Pd.Bonaccini aveva vinto quella sfida (che per si azzerava oggi) ottenendo 79.787 voti (52,9%); per Schlein (che aveva ottenuto 52.637 voti), la rimonta potrebbe essere agevolata da un alto numero di votanti. Silvia Roggiani, presidente della commissione nazionale per il congresso Pd, a Mezz’ora in pi su RaiTre ha detto che verso le 21 e 45 o le 22 potremo dare i primi dati.Bonaccini, che ha 56 anni, il presidente dell’Emilia-Romagna dal 2014; tra i suoi sostenitori ci sono Vincenzo De Luca, governatore della Campania; Lorenzo Guerini, ex ministro della Difesa; Dario Nardella, sindaco di Firenze; Sandra Zampa. Attender il risultato alla Casa del Popolo di Casalecchio di Reno.Elly Schlein, che ha 37 anni, stata vicepresidente dell’Emilia-Romagna (proprio con Bonaccini) ed stata eletta alla Camera a settembre. A sostenerla, Andrea Orlando, ex ministro; Dario Franceschini, ex segretario del Pd; Marco Furfaro, ex Sel; Mattia Santori, ex leader delle Sardine. Attender il risultato nella sede del suo comitato, a Roma.Enrico Letta aveva annunciato la decisione di non ricandidarsi alla guida del Pd dopo l’esito delle elezioni politiche del 25 settembre scorso, vinte dal centrodestra guidato da Giorgia Meloni, nelle quali il Pd non aveva raggiunto la soglia del 20 per cento. Mi assumo la responsabilit del risultato, aveva detto, spiegando che lasciare la leadership era un gesto d’amore per il partito.Ci sono stati mesi in cui, anche io personalmente, sono stato oggetto di mille ironie, di mille critiche – ha detto oggi uscendo dal suo seggio, al Testaccio a Roma —. Io credo che il percorso del congresso sia stato un metodo giusto. Oggi chi viene eletto o eletta avr una forte legittimazione. Esco di scena con questa giornata di democrazia e partecipazione. Questo partito ha bisogno di unit e di una leadership che sia in grado di dedicarsi pi a quello che succede fuori che a quello che succede dentro fra le diverse anime. Ho passato troppo tempo a dover gestire le vicende interne. Chi mi succeder spero che abbia le condizioni per occuparsi soprattutto di quello che succede fuori, nella societ. L’augurio che abbia la possibilit di fare meglio di quanto abbia fatto io. Sar l ad aiutare discretamente dal mio posto, senza sgomitare. 26 febbraio 2023 (modifica il 26 febbraio 2023 | 20:25) © RIPRODUZIONE RISERVATA , , https://www.corriere.it/rss/politica.xml,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.