Pensioni quota 100: 142mila le domande presentate al 3 giugno

Spread the love

Sono circa 27mila i pensionati della scuola

Nel settore pubblico, un buon numero di richieste – circa 27 mila – sono arrivate dal mondo della scuola: tutte presentate entro la scadenza del 28 febbraio per uscire a partire da settembre, in coincidenza con l’avvio del nuovo anno scolastico.

A partire dal primo di agosto si aprirà poi la prima possibilità di uscita per i dipendenti pubblici: non per tutti ma per coloro che hanno maturato i requisiti al 1° gennaio 2019.

Spostando i riflettori sul settore privato, nelle banche per ora, sono stati siglati 3 accordi che prevedono 1.680 uscite con quota 100.

I l primo riguarda Ubi banca – siglato il 27 marzo 2019 – e contiene 80 richieste di quota 100. Paolo Citterio, coordinatore Fabi gruppo Ubi Banca sottolinea che: «Questo accordo è molto importante sia perché consente l’uscita volontaria di circa 300 colleghi, ma anche perché assicura circa 100 nuovi posti di lavoro per i giovani che potranno trovare occupazione in Ubi».

Da Bnl Pnb Paribas sono arrivate 600 richieste “Quota 100” – l’accordo è del 16 aprile 2019. 

Infine da Intesa Sanpaolo sono arrivate ben mille richieste per quota 100 Secondo Giuseppe Milazzo, Segretario nazionale Fabi, ha commentato «È stata colta l’opportunità offerta dalle nuove norme in tema previdenziale per accontentare la richiesta di alcuni lavoratori di uscire dalla banca. Allo stesso tempo, abbiamo ottenuto 150 nuovi assunzioni che contribuiranno al ricambio generazionale del settore».

Quota 100 potrebbe trovare spazio nella gestione di altri esuberi. Carige ha appena avviato la trattativa, Bper ha una trattativa aperta con sindacati;  da Unicredit, invece, è attesa presentazione piano industriale dicembre 2019.

Da: Il Sole 24 Ore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.