Fuga dalla scuola: aperture straordinarie delle sedi sindacali e del Patronato Inas Cisl

Spread the love

 È una vera e propria fuga di tanti docenti, Ata e Ds, ad oggi 10.500 circa che non intendono rimanere un attimo in più e che temono di essere bloccati nei prossimi anni

Un impegno notevole da parte del Patronato Inas Cisl per garantire al personale della scuola la presentazione delle domande previste dal decreto sulla quota 100. È una vera e propria fuga di tanti docenti, Ata e Ds, ad oggi 10.500 circa che non intendono rimanere un attimo in più e che temono di essere bloccati nei prossimi anni . 
Per molti ci sarà da fare i conti con una decurtazione economica notevole ma le ragioni che inducono i colleghi che hanno compiuto 62 anni entro il 31 dicembre sono anche di natura professionale. 
Un nostro questionario, i cui esiti saranno resi noti dopo il 28 febbraio, data di chiusura delle domande, ci aiuterà a capire quanto questo incida tra i motivi di uscita anticipata: scarso riconoscimento economico e sociale; impegno burocratizzato; difficoltà relazionali con alunni e famiglie; mancanza di supporto dalle istituzioni.  
Il Patronato Inas ha contattato i nostri iscritti e ha fissato una fitta agenda di appuntamenti che prevede anche aperture straordinarie in moltissime realtà. Domani il Presidente Gianluigi Petteni e la segretaria generale CISL Scuola Maddalena Gissi saranno presso l’Inas di Bari, in via Caldarola 31 dalle ore 12,00 per incontrare direttamente operatori del Patronati e lavoratori. 
È particolarmente intensa in questa fase l’attività del Sindacato di categoria e del Patronato, e saranno tante le sedi aperte in tutta Italia anche nella giornata di sabato per fornire a ogni persona una corretta informazione, indispensabile nel momento in cui devono assumere decisioni così delicate e importanti. Files:

apertura-sedi-inas.pdf

Da Cisl Scuola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.